“Il governo ancora non ha capito che gli immigrati sono una grande risorsa”
Lo afferma Gino Rigoldi sul pacchetto sicurezza
Di: Angela Roig Pinto

“Invece delle leggi restrittive ci vogliono quelle collaborative”. A dirlo è stato il fondatore-presidente di Comunità Nuova e cappellano dell’Istituto Penale Minorile di Milano, Padre Gino Rigoldi, in riferimento al pacchetto sicurezza approvato dal governo.

Secondo la sua esperienza coi minorenni dell’Istituto Penale, dove il 30% sono stranieri, per risolvere il problema del binomio migrazione-sicurezza ci vogliono delle proposte per proteggere gli immigrati come forza di lavoro.

Quali sono i reati principali che commettono i minori?
Sono reati di furto, spaccio, lesioni con coltello, ma loro non riescono a capire che hanno commesso un reato forse perchè nella loro cultura l’idea che se qualcuno ti offende, ti da un colpo con il coltello non è una cosa così brutta... e se spacciano non credono che sia reato. Ma la comunità sudamericana è molto tranquilla ma anche depressa... quasi tutti vogliano tornare a casa.

In questo contesto, dichiarare il reato della immigrazione clandestina che conseguenze avrà per gli immigrati?
Questo governo, secondo me, non ha ancora capito che gli immigrati sono una grande risorsa... Capita che dei ragazzi possono delinquere, ma e successo così anche quando dal sud vennero molti italiani al nord... adesso non siamo più 200 ragazzi ma quando venivano dal sud, anche con un’altra legislazione, erano mille ragazzi, tutti italiani. Quando ci sono degli spostamenti, di solito si perde un po’ la giusta strada perchè si vedono le cose grandi... si deve capire che la migrazione è tanta forza di lavoro ma anche tanto profitto, tanto guadagno... Ma si ha l’idea che per uno che commette un errore si incolpano tutti. Questo è sbagliato, si incentiva all’odio...

Quale sarebbe la proposta?
Bisognerebbe per esempio permettere che la gente possa avere un permesso di soggiorno per cercare un lavoro, così si avrebbe meno clandestinità. Bisognerebbe costruire case... con tutta questa immigrazione non si sono costruite case, se non si ha casa si è in una situazione di maggior rischio. Si vuole proteggere il lavoro degli straniere perchè i più deboli sono sfruttati dagli italiani; in realtà ci vuole molto pensiero dal governo, non si può fare sparire gli stranieri dopo che hanno lavorato, quello non è umano. Ci vuole che le leggi siano meno restrittive e più costruttive e collaborative.