l'Associazione Peruan-Ità
 alla Fiera "Millenaria" di Gonzaga  
dal 31 al 9 settembre 2002

Anche quest'anno In collaborazione con l'Associazione Mantovani nel Mondo e curata da Pietro Liberati, l'Associazione Peruan-Ità, ha allestito uno spazio dedicato al Perù alla Fiera Millenaria di Gonzaga. Durante le giornate di apertura sono state oltre 100.000 le persone che hanno riempito le vie della fiera e gli stand. Ai visitatori, molti dei quali attratti da questo Paese lontano e misterioso, sono state fornite notizie ed  informazioni sul Perù in generale e sono stati illustrati gli scopi perseguiti dalla nostra Associazione. A titolo di cronaca possiamo affermare che sono letteralmente "andati a ruba" i poster che raffiguravano i luoghi più famosi e le bellezze naturali del Perù, lasciandoci alla fine solo quelli attaccati alle pareti in fondo allo stand che si vedono nella foto sotto!
P.L.

 Pietro Liberati con il presidente dell'AMM Marconcini

Cos'è la Millenaria
La fiera di Gonzaga, definita Millenaria perché le sue origini risalgono al IX secolo (come provano monete di Carlo Magno ritrovate nei terreni intorno al Convento di S. Maria), anche se fu ufficializzata soltanto nel 1580 dal Duca Guglielmo Gonzaga. Ciò dimostra che essa è una manifestazione ben radicata nella storia della nostra zona, un appuntamento tradizionale, da tempo immemorabile, per le genti della Bassa Padana. In effetti, per le popolazioni della Padania mantovana, reggiana e modenese con diramazioni verso Cremona, Ferrara e Verona, la Millenaria è molto più di un avvenimento commerciale. Forse, nel corso dei secoli è nato in questa gente un istinto migratorio che, all'inizio di settembre, la spinge a spostarsi seguendo richiami misteriosi verso i prati della fiera. Quest'anno, la Fiera Millenaria di Gonzaga, si presenta all'appuntamento di settembre con un lusinghiero rendiconto dell'edizione precedente, con un programma denso di manifestazioni ed iniziative. E' certamente eccezionale il fatto che, un'iniziativa carica di una storia secolare sia riuscita a passare indenne tra le tempeste del tempo senza arenarsi, tra le secche di un folclorismo a buon mercato. E' ancor più straordinaria la vitalità con cui la millenaria, ha risposto alle richieste di una società e un’economia in rapida evoluzione, assumendo una capacità di proposta talmente attiva da diventare la più importante manifestazione della Bassa Mantovana, Reggiana e Modenese ed una delle maggiori in campo nazionale. Il crescere consenso degli espositori e del pubblico la dice lunga sulle sue valenze economiche sostenute da una invidiabile struttura espositiva. Se fino a pochi decenni fa la Millenaria era soprattutto una fiera di bovini e cavalli, oggi la Fiera è un appuntamento di primaria importanza per espositori di ogni genere, anche se l'agricoltura fa la parte del leone a riprova di una secolare e mai smentita vocazione in questo senso. La Millenaria ha, tra le sue caratteristiche di fondo, anche qualificate manifestazioni culturali e di costume che l'hanno resa celebre anche in campo nazionale. Prestigiose manifestazioni richiamano un pubblico attento e competente: spettacoli folcloristici, serate musicali, mostre di pittura, scultura, fotografia, iniziative editoriali e storiche, spettacoli di valore, convegni e mostre rimandano l'immagine di una realtà ricca di stimoli e al passo coi tempi.

PERUAN-ITÀ © Copyright  2002
No part of this site may be reproduced 
or stored in a retrieval system. 
All rights reserved  liberatiarts©