Associazione InterculturaleTODO CAMBIA
Piazza XXIV Maggio 220123 Milano
todo.cambia@libero.it      www.todocambia.org   

Progetto
Università Migrante

Corso di formazione per animatori e promotori dell’associazionismo migrante e antirazzista e del volontariato interculturale
Ente promotore: 
Associazione Interculturale Todo Cambia

Il corso di formazione si svolge in partnership con il Centro di Servizio per il Volontariato per la Provincia di Milano (Ciessevi). 

Enti partner:  Revista El Carrete  Associazione Cultural de Chile Movimento Cittadini dal Mondo Al Qafila Onlus  Dimensioni Diverse - spazio di relazione e pensiero Naga  Centro regionale di intervento per la Cooperazione (CRIC) NuestrAmerica 

Premessa
L’antirazzismo è una pratica politico-sociale che può permettere di leggere la società, la quotidianità e i rapporti fra le persone a patto che sia utile a descostruire le pratiche di dominio che usano invece il razzismo e la discriminazione e quindi favorire pratiche di relazioni pacifiche e ugualitarie.
In una società in via di trasformazione il valore e la pratica dell'antirazzismo hanno bisogno di essere riconfermati, arricchiti, analizzati.  Più di ogni altra cosa è necessario un confronto tra le pratiche, il pensiero e le esperienze (sociali, politiche e culturali) degli autoctoni e le loro associazioni e le pratiche il pensiero e le esperienze (sociali, politiche e culturali) che gli immigrati e le loro associazioni portano con sé, vissute nei paesi di provenienza o nel paese d'arrivo.  È necessario ricostruire quindi, attraverso un processo di rilettura dinamica, che comporti il confronto e l'attualizzazione, non solo la storia del razzismo e dell’antirazzismo, del colonialismo e dell'anticolonialismo, ma è fondamentale analizzare i processi di riproduzione di queste pratiche nell’attualità. Nelle società attuali si trovano a convivere nello stesso territorio figli di ex-colonizzatori e di ex-colonizzati, ora spesso rappresentati nelle categorie di “cittadini” e “non cittadini” con tutte le contraddizioni e problematicità che questo comporta. Ma non si tratta soltanto di sottolineare una questione di eredità di un’ingiustizia ma di analizzare, nel presente la situazioni di discriminazione e di disparità di diritti che spesso esiste tra questi due “categorie”. Mettere in discussione pratiche, pensieri ed azioni segnate dal eurocentrismo, il terzomondismo, il paternalismo, o in ultima analisi il razzismo, può servire a costruire strumenti e percorsi che contribuiscano a sviluppare una discussione e l’affermazione di una nuova soggettività individuale e sociale, che possa rappresentare concretamente un'idea di cittadinanza globale e contribuire a sviluppare un'idea di società dove non si aspiri soltanto all'integrazione o l’inclusione, modelli che l'esperienza ci ha dimostrato fallimentari, bensì ai principi di convivenza e benessere comune basati su una coesione sociale fatta di pratiche egualitarie, pacifiche e non prevaricatrici.

Contenuti
Università Migrante è un viaggio che parte dalla scoperta delle basi del pensiero antirazzista e dei movimenti di liberazione dal colonialismo per muoversi verso una presa di coscienza dell’eredità colonialista dei “nativi europei” e dell’eredità da colonizzato dei “non europei”. Studieremo insieme la storia, in modo informale e divertente, per ripensarla nell’attualità. Parleremo di:
- le teorie razziste e il colonialismo, nel mondo e in Italia;
- le teorie, le pratiche antirazziste e i movimenti di decolonizzazione;
- i modelli di convivenza delle società di accoglienza e i motivi del loro fallimento;
- le pratiche e le teorie dell’associazionismo migrante;
- l’idea della “cittadinanza globale”.

Obiettivi
Il percorso vuole essere un laboratorio di pensiero e di confronto a partire dall’analisi delle teorie e le pratiche razziste e colonialiste, della ricostruzione della storia dei movimenti di liberazione anticolonialisti e anti-razzisti per arrivare a ragionare e a decostruire i preconcetti, le barriere e le difficoltà, con le quali si trovano a far i conti nel lavoro congiunto i membri delle associazioni antirazziste italiane e delle associazioni di immigrati fino ad immaginare nuove pratiche di inter-relazione, sia sul terreno dell’anti-razzismo che dell’interculturalità. Nello specifico il percorso vuole raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Aumentare le conoscenze, i saperi pratici e teorici e la consapevolezza dei cittadini immigrati ed italiani in relazione al tema dell’antirazzismo (dalla formulazione del concetto e teorie del razzismo ai movimenti anti-razzisti); 

  • Avviare una riflessione analitica in relazione all’evoluzione e all’efficacia delle pratiche, strumenti e forme di anti-razzismo; 

  • Avviare un processo di analisi e decostruzione in relazione al tema del “razzismo / elementi di difficoltà” all’interno dei percorsi di lotta comune fra associazioni di immigrati e italiane; 

  • Sperimentare all’interno del percorso nuove pratiche di formazione e informazioni in cui l’esperienza e le percezioni dei partecipanti diventano elementi prioritari nella preparazione e gestione dei momenti formativi

  • Implementare e rafforzare le competenze tecnico-teoriche dei volontari e aspiranti volontari nell’ambito della mediazione interculturale affinché possano essere un ponte tra la popolazione autoctona e la popolazione immigrata nella ricerca di una nuova soggettività cittadina, che sappia rompere con l’idea monolitica di identità ed affermare invece la ricchezza dell’identità variegata ed stratificata.

Iscrizioni
Il corso è aperto a tutti. È possibile iscriversi compilando la scheda on-line tramite il sito del Ciessevi 
http://www.ciessevi.org/content/view/1105/77/ 

Il codice del corso Università Migrante è 90300
Oppure potete scrivere una mail a marta.rubolini@gmail.com  o chiamare al tel 333/2451580 (dalle ore 19-21)

Orario, date e sede del corso
Gli incontri saranno tutti di martedì dalle ore 20 alle 22
Totale incontri: 25 incontri.
1. Razzismi a antirazzismi: 3-10-17-24 aprile, 8-15-22-29 maggio, 5-12-19-26 giugno, 3-10 luglio
2. Storia e politica italiana: 11-18-25 settembre, 2 ottobre.
3. Cittadinanza Globale: 9-16-23-30 ottobre.
4. Pratiche di volontariato interculturale e antirazzista: 6-13-20 novembre 
La sede degli incontri è: Via Adige 11 – Milano (sede Arci provinciale)


Programma corso
1.RAZZISMO E ANTIRAZZISMI

    a. I RAZZISMI (6 incontri) Da dove nascono e su quali base teoriche

  • Il razzismo biologico e le teorie razziste di matrice darwinista, positivista e o religiosa (Marcello Maneri) - 3 aprile 2007

  • Le teorie e le pratiche della superiorità razziale europea nei grandi Imperi: 
    o la Conquista delle Americhe (Jose Luis Tagliaferro) - 10 aprile 
    o la colonizzazione africana (relatore Pap Diaw) - 17 aprile

  • Film sul colonialismo italiano: Il leone nel deserto di Mustapha Akkad oppure Fascist Legaci” di K. Kirby e G. Farley - 24 aprile

  • Il colonialismo italiano (relatrice Mariam Ismail) - 8 maggio

  •  Razzismo e antisemitismo: vecchie e nuove pratiche di negazione della soggettività (relatrice Federica Sossi) - 15 maggio

b. PENSIERO E AZIONE DEI MOVIMENTI DI LIBERAZIONE ANTICOLONIALI E DEI MOVIMENTI ANTIRAZZISTI: (8 incontri)
Una panoramica sul quando, come e perché nascono i movimento di liberazione anticolonialisti i sui movimenti anti-razzisti nei diversi continenti:

  • Film sulle lotte del movimento nero americano : “Brother Outsider” di N. Kates e B. Singer oppure “Panthers” di M. VanPeebles - 22 maggio

  • BLACK AMERICA:
    o dall’abolizione della schiavitù al movimento per i diritti civili; la lotta contro la segregazione razziale negli Stati Uniti; il movimento di liberazione afroamericano: Martin Luther King, Malcom X, Black Power e Black Panthers, Mumia Abu Jamal. (relatrice Betty Gilmore) - 29 maggio

  • MAMA AFRICA 
    o Film sui movimenti di liberazione Maghrebino - Battaglia di Algeri di Gillo Pontecorvo - 5 giugno
    o I movimenti di liberazione Maghrebini (algeria, tunisia, marocco) (relatore Karim Metref) - 12 giugno
    o I movimenti anticolonialisti nell’Africa nera (Patrice lumumba, Joe Nkhrouma, Thomas Sankara, Franz Fanon) (relatore Pape Diaw) - 19 giugno
    o L’apartheid sudafricano: Steve Biko e la Black Consciousness, Nelson Mandela (relatore da definire) - 26 giugno

  • PACHAMAMA:
    o Film sui movimenti indigenisti: Mapuche ni Mapuche - 3 luglio
    o Il movimento nero nei caraibi e sudamerica - i movimenti indigenisti delle Americhe (relatore Jose Luis Tagliaferro) - 10 luglio

2. STORIA e POLITICA ITALIANA (4 incontri)

  • La discriminazione in Italia: le sue radici e la sua evoluzione all’interno della legislazione delle politiche interne ed estere (Relatore Pietro Massarotto) - 11 settembre

  • Film sull’immigrazione in Italia – Vesna va veloce di Carlo Mazzacurati - 18 settembre

  • L’immigrazione in Italia. Dal meridionale al extracomunitario (relatore Salvatore Palidda) - 25 settembre

  • Storia del movimento antirazzista italiano (Relatore Filippo Miraglia) - Storia dell’ associazionismo e dell’autorganizzazione degli immigrati. (Relatori da definire) - 2 ottobre

3. CITTADINANZA GLOBALE (4 incontri)

  • I modelli delle società di immigrazione: il modello assimilazionista (Francia), il modello multiculturalista (Inghilterra), il melting pot (Stati Uniti) (relatore Sandro Mezzadra) 9 ottobre

  • Difesa dell’identità o integrazione? La problematica delle “culture” (relatori Fabio Quassoli e Ainom Maricos) 16 ottobre

  • Decolonizzare la mente: figli di ex-colonizzatori e figli di ex-colonizzati a confronto (relatori Pape Diaw e Salvatore Palidda) 23 ottobre

  • Verso un’idea di cittadinanza globale. Quale strada possibile per la convivenza di soggetti diversi in uno stesso territorio? (relatrici Tiziana Dal Pra e Edda Pando) 30 ottobre

4. PRATICHE DI VOLONTARIATO INTERCULTURALE E ANTIRAZZISTA (3 incontri)
Dalla teoria alla pratica: Esperienze a confronto e analisi

  • Unità nella diversità: (Relatori Simona Casonato e Francisco Troya) 6 novembre
    o l’impegno e il protagonismo degli immigrati attivi e consapevoli e il contributo dei nativi antirazzisti e solidali.
    o come impostare e gestire una riunione/assemblea in cui si relazionano diversi approcci, modalità comunicative e punti di vista affinché questi non generino processi di esclusione o autoesclusione (il terzo-mondismo e l’eurocentrismo)? 

  • Come costruire strumenti di comunicazione interculturale? (relatore Mayela Barragan) 13 novembre
    · L’associazionismo interculturale una strada concreta di sperimentazione di un nuovo modello di convivenza. Perché e come fare che un’associazione sia non solo strumento e pratica di solidarietà, mutualità, proposta politica e sociale ma anche strumento d’interculturalità, di costruzione di una idea e praxis di cittadinanza globale. (Relatori Lucy Rojas, Paolo Buffoni e Abdeljabbar Moukrim) 20 novembre

 

PERUAN-ITÀ © Copyright 2001- 2007
No part of this site may be reproduced 
or stored in a retrieval system. 
All rights reserved