I funerali del Maresciallo Merlino                    I 19 Caduti Italiani 

November 13, 2003 11:05 PM
Subject: Condolencias
Por intermedio de estas lineas quiero enviar mis condolencias al pueblo Italiano por la perdida de sus hijos alla en Irak, tambien me uno al dolor de los familiares de los valientes que perdieron su vida tratando de mantener el orden y la Paz alla en el medio Oriente. Mi pensamiento y mis oraciones estan con ellos en estos momentos tan dolorosos.
Theo Torres

Vile attentato alle truppe Italiane in Iraq
Morti 12 Carabinieri 5 Soldati e due civili Italiani
Vil Atentado a tropas italianas 
deja 12 Guardias Civiles 5 Soldados y dos civilies italianos.
Lo sdegno,  la costernazione e il dolore dell'Italia tutta
La indignacion,consternaciòn y el dolor en toda Italia
Proclamata una giornata di lutto nazionale
 il 18, giorno dei funerali

Domani, martedì 18, si terranno i funerali di Stato per le vittime della strage avvenuta in Iraq il 12 scorso. Giornata di Lutto Nazionale. Tutta l'Italia si fermerà all'ora dei funerali , scuole, uffici pubblici osserveranno un minuto di silenzio mentre le organizzazioni sindacali e i lavoratori si fermeranno per un quarto d'ora. La cerimonia sarà tenuta nella Basilica di San Paolo alle 11,30. È prevista un'affluenza straordinaria. Dalle ore 10 di oggi è aperta al pubblico la camera ardente allestita al Vittoriano. Una lunghissima fila di cittadini, non solo romani, ha voluto rendere omaggio ai 19 caduti. La camera ardente sarà aperta per tutta la notte e in mattinata fino a pochi minuti prima dell'inizio della funzione. Dopo i funerali di Stato le salme saranno tumulate nei vari paesi d'origine.

 Secondo le ultime informazioni i funerali del Maresciallo Merlino si terranno a Viadana (MN) giovedì 20 novembre. Ieri 16 novembre il Vescovo di Mantova, nella ricorrenza della Madonna Incoronata , protettrice della città, durante l'omelia ha voluto ricordare i caduti di  Nassiriyah citando alcuni brani dedicati alla Virgo Fidelis, patrona dell'Arma dei Carabinieri. Successivamente il comandante della Compagnia ha letto la preghiera del Carabiniere suscitando la commozione dei fedeli che al  termine hanno applaudito a lungo.  

PREGHIERA DEL CARABINIERE

Dolcissima e gloriosissima Madre di Dio e nostra, 
noi Carabinieri d'Italia a Te reverente il pensiero,
fiduciosa la preghiera e fervido il cuore!

Tu, che le nostre Legioni invocano 
confortatrice e protettrice con titolo di "VIRGO FIDELIS", 
Tu accogli ogni nostro proposito di bene e
fanne vigore e luce per la Patria nostra.

Tu, accompagna la nostra vigilanza, 
Tu consiglia il nostro dire, 
Tu anima la nostra azione,
Tu sostenta il nostro sacrificio,
Tu infiamma la devozione nostra!

E da un capo all'altro d'Italia
suscita in ognuno di noi l'entusiasmo di testimoniare, 
con fedeltà sino alla morte, 
l'amore di Dio e ai fratelli italiani.

E così sia!

INNO ALLA "VIRGO FIDELIS" 


Virgo Fidelis  proclamata nel 1949 patrona dei Carabinieri

In una luce fulgida di fiamma, 
com’ali bianche nell’azzurro ciel, 
al tuo trono corrusco, o dolce Mamma, 
sale il palpito del figlio tuo fedel, 
che in silenzio preparò il suo cuore 
ed in silenzio veglia l’avvenir; 
su lui rivolgi gli occhi tuoi d’amore 
rendi nobile e lieve il suo soffir. 
          Tu sei Regina dell' eterna corte 
          perché salisti il monte del dolor; 
          il cuore mio non fermerà la morte 
          perché ha giurato fede al tricolor. 
Se di baleni il simbolo d’argento 
sulla mia fronte ai raggi guizzerà, 
e la Bandiera a raffiche di vento 
nel tripudio di luce ondeggerà, 
allor più ardente delle tue legioni 
un grido solo a Te si leverà, 
nostra stella, che nel ciel risuoni 
giuramento d’amore e fedeltà. 

          Tu sei Regina dell' eterna corte 
          perché salisti il monte del dolor; 
          il cuore mio non fermerà la morte 
          perché ha giurato fede al tricolor

Mantova 14-11-2003 -: Non che lo frequentassi, ma conoscevo Filippo Merlino , comandante della Stazione di Viadana. Lo avevo incontrato in diverse occasioni di lavoro a Viadana ed anche dopo il mio congedo dall'Arma. Nelle giornate in cui nasceva questo sito web, gli feci la proposta di lanciare un appello per trovare un modo, una medicina ... qualche rimedio per curare la malattia del figlio attraverso internet. Quando mancavano pochi dettagli per definire seriamente la questione, partì per una delle innumerevoli missioni all'estero ... rimase tutto in sospeso. In seguito non ho avuto più modo d'incontrarlo personalmente, anche se attraverso conoscenze comuni sapevo che aveva proseguito con altre missioni all'estero nelle forze di pace. Era diventato un "pendolare della Pace" per scelta e per necessità, alternando missioni all'estero, al comando della Stazione Carabinieri di Viadana. Ricordo la sua grande disponibilità verso gli altri, nonostante i problemi legati alla malattia del figlio Fabio, era sempre affabile, premuroso e gentile. Un grande Uomo! Un Carabiniere valoroso, che lascerà un grande vuoto nelle persone che lo hanno conosciuto. 
Pietro Liberati vice pres. Associazione Nazionale Carabinieri di Mantova 


Speravo di aver ascoltato male mentre distrattamente ascoltavo le notizie dalla Tv , poi purtroppo  la conferma , il bollettino di sangue che arriva giornalmente dall'Iraq oggi ci lascia sgomenti. Gli Italiani, sono stati colpiti duramente:  19 morti e venti feriti.  I Carabinieri e le truppe scelte dell'Esercito forze di riconciliazione, rispettati ed ammirati per la loro umanità e professionalità  in tutte le parti del mondo, sono stati vigliaccamente fatti segno da un atroce attentato. Un attentato che fino ad ora ha causato 25 morti e oltre 40 feriti. Sono12 le vittime tra i Carabinieri, colleghi di chi scrive e che non trova le parole per esprimere il proprio dolore, la sofferenza  che si prova ascoltando le notizie che si susseguono dai notiziari. Un senso  d'angoscia e impotenza attanaglia la gola e la mente. In questo terribile momento il mio, nostro, pensiero va alle famiglie dei caduti e dei feriti a cui siamo vicini con il cuore in questo giornata di dolore e lutto.  
Il  18 novembre, è stata proclamata una giornata di lutto Nazionale 
Esperé haber escuchado mal mientras distraídamente escuché las noticias del Tv,luego desgraciadamente la confirmación, el boletín de sangre que llega diariamente hoy de Irak nos deja consternados. Los italianos, han sido golpeados duramente: 19 muertos y veinte heridos. Los Guardias civiles y las tropas elegidas ejército fuerzas de reconciliación, respetadas y admirados por su humanidad y profesionalidad en todas las partes del mundo,han sido cobardemente objeto y señal de un atroz atentado. Un atentado que hasta a ahora ha causado 25 muertos y más de 40 heridos. Son 12 las víctimas entre los Guardias civiles, colegas de quien escribe y que no encuentra las palabras para expresar el propio dolor, el sufrimiento que se conmueve escuchando las noticias que se suceden de los noticiarios. Un sentido de angustia e impotencia me atenaza la garganta y la mente. En este terrible momento para mì,nuestro, pensamiento va a las familias de los caídos y los heridos a que estamos cercanos con el corazón en este día de dolor y luto. 
El dia de 18 de noviembre, ha sido proclamado un día de luto Nacional 

Pietro Liberati


No part of this site may be reproduced 
or stored in a retrieval system. 
All rights reserved